Si stava meglio quando si stava peggio

In data 24 Settembre 2016 pubblicavamo un articolo (che vi riproponiamo ora) nel quale esprimevamo i nostri primi dubbi su Liberty Media. E oggi…

In data 24 Settembre 2016, sul nostro vecchio sito, pubblicavamo questo articolo:

“E se sentissimo la mancanza di Ecclestone?”

“La notizia è sulla bocca di tutti gli appassionati: Liberty Media Group Corporation, colosso americano delle telecomunicazioni, ha confermato in una nota l’acquisizione della Formula Uno nell’ambito di un’operazione che ha valutato complessivamente il circus circa una dozzina di miliardi di dollari e subentrerà nel giro di quattro anni a CVC.
Chase Carey, manager televisivo di successo, sarà il nuovo presidente. E Bernie Ecclestone? Il magnate britannico resterà in veste di amministratore delegato per i prossimi tre anni, dopodiché uscirà definitivamente di scena. Il vecchio Bernie è stato oggetto di innumerevoli e giuste critiche negli ultimi anni e con tutta onestà, è difficile non essere felici della sua rottamazione. Ma siamo davvero sicuri di finire in mani migliori? Non vorremmo in futuro pronunciare la fatidica frase “si stava meglio quando si stava peggio”. Quali sono i motivi di questa affermazione? Stando alle ultime indiscrezioni, pare che l’obiettivo primario di Liberty Media Group Corporation sia quello di esportare il circus in America inserendo nel calendario Miami, Las Vegas e New York. Un calendario che secondo Greg Maffei (CEO di Liberty) potrebbe e dovrebbe essere più fitto. Sì, avete letto bene. Tutto ciò aumenterebbe vertiginosamente i costi per i team, la maggior parte dei quali non naviga in buone acque, e potrebbe costringerli a lasciare. Ci auguriamo davvero che non sia così.”

17.09.2017 - Race, Chase Carey (USA) Formula One Group Chairman

Ebbene, signore e signori, per il momento è stato scongiurato questo rischio. Per il momento. Eppure, coloro che poco più di un anno fa venivano etichettati come salvatori della patria, hanno reso obbligatorio dal 2018 un sistema come l’halo, spingono per la standardizzazione dei propulsori per appiattire le prestazioni, andando chiaramente nella direzione opposta a quella che ricerca sempre e comunque la competizione, ma non solo: stanno per introdurre un nuovo logo, cestinando quello storico (sigla della FOM annessa) a cui inevitabilmente tutti gli appassionati sono legati. Insomma, si stava meglio quando si stava peggio. Chi l’avrebbe mai detto, che saremmo arrivati a rimpiangere Bernie Ecclestone. Ovviamente la speranza è che i vertici di Liberty Media, così attratti dall’americanizzazione della massima categoria del motorsport, invertano presto la rotta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...