Storie di GP: Cina 2006

La storia del GP di Cina non è certo centenaria, ma Hammer Time vuole ritornare, a poco meno di cinque giorni dal GP numero 1000 della massima competizione, a quel fantastico 1 Ottobre 2006. E chi se lo può dimenticare, quell’ultimo straordinario salto sul gradino più alto del podio del Kaiser. L’articolo del nostro Rolando Alvaro. 

GP di Cina 2006: terzultima prova di un mondiale estremamente combattuto, che vede due antagonisti, sia in pista, che fuori. Da un lato Fernando Alonso e Michael Schumacher, dall’altro Michelin e Bridgestone: sono proprio quest’ultime, le due case costruttrici di pneumatici, a recitare il ruolo di ago della bilancia per la lotta al titolo. Si arriva in Cina e la classifica recita: Alonso 98, Schumacher 96. Due sole lunghezze dividono gli ultimi due campioni del mondo. Ma in Cina i favoriti sono i piloti gommati Michelin, infatti il circuito si sposa a meraviglia con le caratteristiche delle coperture francesi, e infatti le Renault monopolizzano tutte le prove, mentre le Ferrari, come tutti i gommati Bridgestone, arrancano. In qualifica le Renault impongono il proprio dominio, Fernando Alonso firma la pole position davanti al compagno di squadra Giancarlo Fisichella, le due Honda di Barrichello e Button completano la seconda fila.

attachment_109682-1

Michael Schumacher è solo sesto, dietro anche al finlandese Kimi Raikkonen, solo ventunesimo Felipe Massa sull’altra Ferrari. Un dramma sportivo. La gara parte sotto una pioggia battente, terreno di conquista per il tedesco ma non per le gomme giapponesi: al via le Renault scappano via, Schumacher cerca di difendersi e mantiene la sesta piazza, ma le sceneggiatura di quel giorno non prevede pioggia.

attachment_109697-1

A metà gara la pioggia prima diminuisce, poi smette del tutto, tutti sono costretti a rientrare ai box, ma sopratutto a montare gomme dure. Michael rientra in pista e compie il suo ultimo capolavoro, giro dopo giro recupera, rimonta, li passa tutti. Giunge dietro le imprendibili Renault, e a poco meno di venti giri si forma un magnifico trio, formato da Alonso, Fisichella e Schumacher. Le monoposto francesi soffrono le gomme dure, Schumacher infila Alonso al tornantino, il giro successivo Fisichella arriva un po’ lungo alla prima curva e Schumacher punta come un falco l’interno curva, due ruote sul cordolo e due sull’erba, e la rimonta è completata! Tutto presagisce una volata finale verso il traguardo del tedesco, ma ricomincia incredibilmente a piovere. Alonso favorito dagli pneumatici ritorna lanciatissimo su Schumacher giro dopo giro, riduce il suo gap da venticinque fino a tre secondi. Ma la gara termina, al cinquantaduesimo giro, con la Ferrari di Schumacher che taglia per primo il traguardo.

schu-ferr-shan-2006

L’ultima volta, l’ultimo salto sul gradino più alto del podio, del Kaiser.

– Rolando Alvaro (redattore)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...